3 nov 2013

Fino a Ieri Poesia di Emanuele Locatelli Scrittore


Fino A Ieri.

Fino a ieri
Il centro del mio mondo eri tu
E il mio cuore batteva solo per te.
Eri il mio respiro
l’alito di vento d’ogni mattino,
come il primo raggio di sole
eri il mio primo pensiero.
Il mio sole, il mio canto d’amore
la mia luna, il mio canto alla fortuna
il mio mondo, tutto ciò che avevo e volevo.
Fino a ieri tu eri il centro del mio mondo
la mia fortezza, il mio rifugio all’insicurezza .
tutto questo eri tu e molto di più.
Tu eri tutto per me, la mia vita, la mia stessa esistenza
e ora che maledico il mio nome
e il giorno che ti ho incontrato
l’averti dato tutto.
ti ho dato tutto di me .
l’averti creduto, l’averti sopravalutato
e ora che mi hai spezzato il cuore
te lo dico: Tu non sei un uomo onesto
sei un insensibile bastardo
mi hai portato a letto, mi hai illuso
e poi gettato .
Ti ho donato l’anima, il mio tempio e i miei
giorni.
Ti ho dato la mia vita, il mio amore
la mia voce, il mio ultimo alito di vento
e tu da bastardo mi ha deluso e illuso
usato e poi mollato .
Sei un ipocrita senza cuore,
un essere immorale .
Non ti ho mai chiesto nulla, niente di te
io che mi fidavo ciecamente di te
ho sbagliato si ho fatto male
perché tu sei un uomo che non sa amare
che si nasconde dietro un’ombra per scappare
da se stesso, ma dove credi di andare
se sei gay, non è colpa tua lo devi accettare
non ti devi vergognare .
E ora che hai deciso di gettarmi al vento
come un fazzoletto usato di carta
ti sussurro sottovoce un’ultima volta.
Vaffan culo, Amore mio ti amo e ti odio!

Emanuele Locatelli Scrittore www.emanuelelocatelliscrittore.it

0 commenti: