9 ott 2013

Sogno mio poesia di Emanuele Locatelli Scrittore


Sogno mio.

Ho un sogno;
Nascosto, trattenuto, legato al cuore, un
Sogno d’armonico amore;
Lo vedo, lo sento, è dentro di me.
Mi segue ovunque vado, quasi per farmi compagnia;
Sale, scende…come il mio umore.
Mi fa sperare, sognare, gioire,
Oh sogno fammi sognare, datti da fare!
Fammi gioire, fammi ridere della mia disperazione.
Sogno dammi il dono di un’altra emozione,
Fai che possa esprimere queste sensazioni,
Regalami una notte da mille visioni.
Quando ti vedo so che mi appartieni;
Sento la vita, divento felice,
Quando entro in tè non son più solo
Divento chi non sono, e
Appartengo a quell’angelica visione, ma poi…
Mi sveglio e tu scompari, e
M’accorgo che sei solo un altro sogno.
Vorrei essere, ma non potrei diventare quel “io” che non sono,
Non posso non voglio,
Tu sei l’opposto di quel che sono, e
Pur che tu sia l’angelica visione
Rimani solo un sogno,
Continua a farmi sognare,
Ma, mi spiace…
Rimarrò quel che sono.

Emanuele Locatelli Scrittore


0 commenti: