15 ott 2013

Amico Mondo Poesia di Emanuele Locatelli Scrittore


AMICO MONDO.
Caro amico Mondo, adesso parlo io!
Ti trovo trascurato, zoppicante e malandato
Un po’ fumante e se posso dirlo, anche decisamente delirante.
Non parli più, non ridi più, non scherzi più;
Hai forse l’influenza? è per questo che vai a singhiozzo?.
È possibile che non ti accorgi che stai male?
E il tuo posto al parlamento, dov’è?
Ormai conti poco niente!
Ma sai, io non sono mica sordo, il tuo grido disperato l’ho sentito!
Per questo da bravo parassita, ti salto nel orecchio e ti dico.
Intervieni, sei tu il presidente!
Nessuno ti rispetta più,
Nessuno sente più il tono del Vesuvio, La voce dello Tsunami,
Il respiro di Katrina,
Il tremore di Gaia,
Nessuno ascolta più il cuore.
Nessuno dice più Amore, avere valori è un disonore,
Tutto si è capovolto…
L’amore è il disonore, la felicità è la pazzia, la gentilezza è approfittarsi,
Nulla conta più noi non serviamo più,
Il fratello è un nome, la madre è la schiava, il padre, il servitore
Il rispetto è l’odio, l’amico è il denaro e l’amico è il nemico, essere uomo è un Dovere, la donna è un piacere, il figlio, un peso, l’anziano è il nulla, l’ammalato è il mostro…. Cosa ti succede? perché giri al contrario?
Stiamo vivendo nell’assurdità, non c’è pace, non c’è giudizio, non c’è contegno, non C’è ragione, non c’è rispetto, non c’è amore, non c’è fratellanza!
Si calcola, si progetta, si fatica, si costruisce, si distrugge,
La pace serve per fare la guerra e la guerra per fare piacere,
Ma le vittime siamo noi!
Non ci si aiuta più tra fratelli, figurati fra persone!
Se un uomo cade, si deve rialzare! Se un uomo soffre, si deve arrangiare!
Chi si fa male, deve pagare! Chi è zoppo, deve correre!, Chi è muto deve, gridare!
Chi è sordo, deve sentire! Chi è ceco, deve vedere!
Ogni uno deve, arrangiarsi da solo!
Chi nasce è solo un numero! Chi muore, è una liberazione!
Chi vive è chi tira avanti!
Caro amico Mondo, non si va avanti così!
E’ ora che ti svegli, il sole è già alto e il celo è in tempesta!
Se fai piovere, almeno oggi, mira le zucche vuote!
E scusa se ti ho offeso!
[ non c’è miglior cosa della peggior cosa inutile!!! ]

Tutti i Diritti Riservati a Norma e Tutela di Legge a Emanuele Locatelli www.emanuelelocatelliscrittore.it

0 commenti: